L’estate che verrà, a quanto pare, una stagione buia

Secondo un’indagine fatta su di un campione di mille persone intervistate è emerso che, con il perdurare delle incertezze rispetto alla “fase 2” dell’emergenza Coronavirus, quest’estate il 70% degli italiani prevede di non poter andare in vacanza. Tra questi, il 32% afferma che rinuncerà alle vacanze estive perché crede che il rischio di contagio sarà ancora molto alto, mentre per il 25% non sarà possibile andare in vacanza per via delle limitazioni agli spostamenti. Il 13%, infine, ammette che non potrà permettersi le vacanze a causa dei problemi economici derivanti dall’emergenza. Nel 30% di coloro che, invece, prevedono di riuscire ad andare in vacanza, il 18% afferma che ripiegherà su mete più vicine, mentre solo il 12% pensa che potrà andare in ferie come ha sempre fatto. Da questi dati, estremamente allarmanti, emerge chiaramente la grave difficoltà in cui, da qui a qualche mese, si troverà il comparto turistico estivo, con la stragrande maggioranza delle imprese del settore che si troverà costretta a chiudere definitivamente. A questo punto arrivati, il governo, per cercare di salvare il salvabile è chiaro che deve adoperarsi immediatamente per mettere in atto una strategia, non solo diretta a sostenere le imprese del settore, ma soprattutto che cambi il modo di comunicare, sino a questo momento, diretto a trasmettere intenzioni, sensazioni, pensieri, sentimenti e soprattutto informazioni fuorvianti e/o male interpretate.

Loading...
WhatsApp chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: