E’ l’ora del fare, le parole non bastano più …..

Con la chiusura dell’area antistante il “Lanternino” e probabilmente, a breve, di quella ex “Seaflight”, in vista dell’imminente, ma ormai iniziata, stagione estiva, a Torre Faro nasceranno, o meglio sono nati, due ordini di problemi, apparentemente, di non facile soluzione, considerato che il venir meno di due così vaste aree di parcheggio, inevitabilmente, causerà notevoli problemi alla tranquillità di coloro che abitano nell’area interessata (ma non solo perchè il problema si estenderà inevitabilmente a tutto il paese) ed alla circolazione in genere: il primo, di maggiore rilevanza, riguarderà la possibilità per i residenti, ma anche per coloro che sono proprietari o conduttori di abitazioni, di trovare posteggio nelle vicinanze della propria abitazione, il secondo interesserà la circolazione stradale, inevitabilmente, compromessa dai bagnanti e dai festaioli che ad ogni ora del giorno e della notte si riverseranno nell’area.
Come ogni anno, ma quest’anno ancor di più per quel che si è detto, pertanto, si ripropongono gli stessi vecchi problemi a cui non si è voluto mai dare una soluzione. Si parla spesso di ZTL (Zona Traffico Limitato), ma poi inspiegabilmente non la si istituisce, eppure questa, indubbiamente, potrebbe contribuire a salvaguardare la qualità della vita dell’areafavorendo, perchè no, anche la diminuzione dell’inquinamento ambientale, si parla sempre del parcheggio a raso della via Pozzo Giudeo che, supportato da un efficiente e comodo servizio navetta, potrebbe contribuire ad incentivare i visitatori ad utilizzarlo.
Quello che non si comprende è perchè alle parole non seguono mai i fatti.
Loading...
WhatsApp chat
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: